La guardia giurata

La sera mi inquieta sempre un po’ il tram, ma ieri sera sono salita sicura e mi sono seduta vicino ad un signore.
È al telefono, parla a bassa voce, le ultime frasi della telefonata però le sento bene: “sembra un bel gruppo, si lavora bene, ma sai ci sono comunque quei 20 minuti… Se succede qualcosa in quei 20 minuti, sei tu che hai firmato, è tua la responsabilità”.

Saluta e chiude la conversazione. Ma la continua con me.
“La questione è la responsabilità. E certo, anche quanto ti senti solo con questa responsabilità addosso. Noi viaggiamo nella notte, da soli, abbiamo solo cambi turno in cui incontriamo gli altri, dobbiamo sperare che in quei 20 minuti in cui abbassi la guardia, quando stai per dare il cambio, con la stanchezza e tutto il resto non succeda nulla. Se no ci finiamo in mezzo. È colpa nostra”.

La guardia giurata è uno di quei lavori che pensi di conoscere, almeno per averne visti in azione nella notte: controllano negozi, case, attività e segnalano il loro passaggio nella notte con un cartellino sulla porta o sulla saracinesca.
Ma come al solito dietro a quello che vedi ci sono le domande che tutti ci facciamo, nella notte come di giorno, con un’arma o senza, da soli o in gruppo.

“Chissà se anche quelli là hanno paura della responsabilità, come noi. A volte mi sembra così, non si va mai fino in fondo, si aspetta sempre che, al cambio turno, qualcun altro ti liberi dalla responsabilità e dalla solitudine”.

Guardia giurata, tanto tempo da solo a pensare nella notte.

Informazioni su diletta76

Ho iniziato con le ricerche di mercato e i sondaggi d'opinione e ho proseguito con la ricerca sociale. Mondi diversi in cui però ho potuto fino ad ora sempre sperimentare. Questa fase è ancora più ricca, se possibile, di opportunità e novità: vedo il blog Appunti di Lavoro come uno strumento di lavoro importante, che mi consente di confrontarmi con colleghi, di proporre progetti, analisi, punti di vista. In qualche modo di contribuire per una piccola parte alla ricerca, appunto, nella complessità del mondo in cui oggi viviamo.
Questa voce è stata pubblicata in Esperienze, Ipotesi, Punti di vista e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a La guardia giurata

  1. Leon Cea ha detto:

    bella riflessione..bel post..se sapessi quanti pensieri che ci fanno compagnia per tutto il turno notturno..la notte e’ buia e assassina..fredda..e ,mentre vai in giro vedi le luci delle case che si spengono …i comignoli fumanti…quanti pensieri..grazie di questo post..
    Leon

  2. Pingback: Organization, organized, organizing #psunimib13 | Mainograz

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...