L’attacchino

IMG_1682Mia figlia è nella fase dei puzzle e per la verità la metafora del puzzle o del collage, come insieme di parti che compongono un disegno, mi si addice parecchio in questa fase. Credo poi che ci sia una differenza sostanziale tra puzzle e collage: di certo con il puzzle hai la strada indicata, il collage lascia correre libera la fantasia. Emma all’asilo fa collage, a casa fa puzzle.

Mentre sono in metropolitana ‘inciampo’ quasi letteralmente nei manifesti pubblicitari arrotolati sul marciapiede. È lui, l’attacchino, questa volta non passo oltre, devo aspettare (ben) 3 minuti e mi fermo. Mi rendo conto di essermi ipnotizzata a guardarlo altre volte, ma ha una tecnica precisa e bellissima, ritmica, costante, stende la colla sul pannello e poi sul manifesto mentre lo attacca. E compone il suo puzzle. Piano piano scopri ció che appare.  Non sono certo paragonabili ai puzzle da 1000 pezzi, e non sono collage fantastici o fantasiosi, ma la tecnica induce a pensare che nel comporlo non puoi fermarti, pena bolle o onde che possono comparire da un momento all’altro e rovinare una scritta, un’immagine, uno slogan.

Non so se mi trovo nella fase del puzzle o del collage, forse mi sento più spesso nella necessità di trovare l’incastro giusto, ma mi muovo, in maniera anche scomposta, seguendo colori, sapori, suggerimenti, iniziative, notizie, reti, persone, gruppi, relazioni.

Mi alleno comunque a fare molti puzzle con mia figlia.

Advertisements

Informazioni su diletta76

Ho iniziato con le ricerche di mercato e i sondaggi d'opinione e ho proseguito con la ricerca sociale. Mondi diversi in cui però ho potuto fino ad ora sempre sperimentare. Questa fase è ancora più ricca, se possibile, di opportunità e novità: vedo il blog Appunti di Lavoro come uno strumento di lavoro importante, che mi consente di confrontarmi con colleghi, di proporre progetti, analisi, punti di vista. In qualche modo di contribuire per una piccola parte alla ricerca, appunto, nella complessità del mondo in cui oggi viviamo.
Questa voce è stata pubblicata in Esperienze, Ipotesi, Punti di vista e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’attacchino

  1. davidevassallo ha detto:

    Trovare incastri, comporre differenze e, sia con i puzzle che con i collage, guardare il risultato allontandanandosi quel tanto, trovare la giusta distanza…
    Condivido: sono molte le suggestioni e i richiami anche alla mia personale fase lavorativa :-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...