The sofa doctor

cropped-header3Ricevo e pubblico questa mail da Francesca Susani, caporedattore di Prospettive Sociali e Sanitarie e blogger, anche insieme a me, su Scambi di Prospettive.

 

Cara Diletta,

mi avevi detto di tenere gli occhi aperti durante il mio viaggio, stimolandomi come sempre a scrivere un post per Scambi di Prospettive, ma in questi pochi giorni che ho passato in Inghilterra il post che mi è venuto in mente è per  Appunti di Lavoro, e per questo ti “offro” un mestiere… Ho pensato di chiamare il protagonista: “The sofa doctor”.

Mia sorella, che abita appunto in Inghilterra, ha comprato recentemente un divano di colore chiaro, e avendo due bambini piccoli ha pensato bene di assicurarlo contro le macchie! (Mai saputo che esistessero assicurazioni di questo tipo… Ci saranno anche da noi in Italia?). Dopo l’acquisto, le macchie sono ovviamente rapidamente comparse e mia sorella ha quindi preso contatto con la ditta venditrice e assicuratrice e nei  giorni che ero da lei attendeva di essere ricontattata.  Intanto, incredibile, suona il suo telefonino domenica, mentre siamo fuori a pranzo. E’ il nostro “sofa doctor”, che chiede di poter passare la mattina dopo sul presto…

“Abbiamo la casa piena, ci sarà un po’ di confusione a quell’ora, dobbiamo uscire tutti…” “Nessun problema” è la risposta “penso a tutto io e ci metterò al massimo 15 minuti”.

La mattina dopo, puntualissimo, si presenta alla porta il nostro uomo vestito elegantemente casual e, molto educatamente, chiede di poter vedere “the sofa” e le sue macchie. Gli viene mostrato “il paziente”…. mia sorella preoccupata che sia difficile mandare via le macchie. Lui chiede di cosa si tratta “penna, probabilmente”. “Leave it to me… ” Sono 27 anni che fa questo mestiere e nessuna macchia lo spaventa.

Uno straccetto, un secchiello riempito d’acqua, una mano sapiente (27 anni di esperienza, appunto) e mentre facciamo colazione la prima macchia scompare. La seconda è più difficile… Ci vuole l’ammoniaca, il giovane aiutante (nonché figlio di mia sorella) viene allontanato, ma anche questo problema si risolve con successo.

Visto il rapido risultato, la padrona di casa mostra speranzosa un’altra poltrona macchiata. In cucina chiedo a mio cognato “Anche quella è assicurata?” “No, no… quella è una poltrona vecchissima” mi risponde lui.

Intanto in sala sento il “sofa doctor” che dice: “ah… questa è molto impegnativa, devo tornare apposta, le costerà tot…” e sorrido pensando tra me e me che anche nella ligia, educata e corretta Inghilterra le assicurazioni sono assicurazioni, i mestieri sono mestieri… e la pagnotta bisogna pur portarla a casa….

Grazie Francesca, grazie davvero. Un mestiere eccezionale! Alla prossima!

 

Annunci

Informazioni su diletta76

Ho iniziato con le ricerche di mercato e i sondaggi d'opinione e ho proseguito con la ricerca sociale. Mondi diversi in cui però ho potuto fino ad ora sempre sperimentare. Questa fase è ancora più ricca, se possibile, di opportunità e novità: vedo il blog Appunti di Lavoro come uno strumento di lavoro importante, che mi consente di confrontarmi con colleghi, di proporre progetti, analisi, punti di vista. In qualche modo di contribuire per una piccola parte alla ricerca, appunto, nella complessità del mondo in cui oggi viviamo.
Questa voce è stata pubblicata in Esperienze di lavoro, Ipotesi, Punti di vista e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...